giovedì 21 settembre 2017

FORZA PATRIZIO!


Martedì, se gli dèi lo vogliono, il mio amico Patrizio, romanissimo de Roma, a Okinawa da qualche anno luce, finalmente ha inaugurato la sua mangiatoia verace a Shuri, alla fermata del monorail per il castello. "Patrì, togli i modellini di Vespa dal cesso, che i cinesi te li fottono", gli ho detto mille volte prima che inaugurasse. Mi sa che i turisti cinesi - orde che gli passano davanti al negozio tutti i giorni - glieli hanno già fottuti.




FINALLY an authentic place for Italian street food in Naha!

Tuesday chef Patrizio Sales, romano de Roma, inaugurated his brand new eatery in the heart of Shuri, by the monorail station (elbow-to-elbow to Hotto Motto). I've been waiting for this moment for months, visiting Patrizio every week to see how his place was developing, poisoning both of us with nearby Hotto Motto's food. "Patrizio, when the cazzo will you start making your delicious pizza? I can't stand this stuff anymore..."








In questi mesi di passione Patrizio si è rimboccato maniche e portafogli, e l'altro giorno finalmente ha partorito una gran bella creatura. Un posto semplice, all'italiana, senza fighetterie ma ricco di calorie. Fantastiche pizze (solo tre gusti, per Okinawa bastano e avanzano), e poi un menù non esattamente per vegetariani: polpette, salsiccia, gnocchi di patate al ragù, suppli. Io martedì, con la scusa di provare i piatti per la Spett. Clientela, mi sono scofanato tutto. Digerito grazie a una Coca-Cola e corroborato da un ottimo espresso (chicchi provenienti da una figata di azienda familiare veneta; Lavazza in confronto è acquazza).




Tuesday was the X Day. Sun, blue sky and and crazy good menu. But I was not very hungry, so I ordered only:

- one portion of polpette (meatballs)
- one portion of salsiccia (sausage)
- one supplì (fried rice ball with mozzarella and tomato)
- one small pizza margherita 
- one Coca-Cola
- one wonderful espresso coffee
---------------------------------------------
TOTAL: 1400 yen only!
I didn't order also potato gnocchi with meat sauce because my belly is large but not the largest of the universe. However I tried one gnocco, delicious!
BRAVO Patrizio, you made me very happy.
And GRAZIE MILLE to our friend Hirakawa Etsuko-san for the precious help!
You got me, every time I'll be in Shuri 'Italianjy' will be my food spot, even if I hardly can pronounce its name...
Open Tuesday to Sunday (closing day Monday), from 11 a.m. until food is finished.



Durante i mesi che hanno preceduto il travaglio andavo a visitare Patrizio più o meno una volta alla settimana, a vedere come procedeva la cosa. Per sopravvivere ci mangiavamo una cofana di sbobba comprata da Hotto Motto, la catenazza fast-food take-away solo-dio-sa-cazzo-mastichi che è a un metro dal suo nuovo negozio. Spero che gli scippi almeno il 99% della clientela, com'è giustissimo che sia.





Patrizio ha chiamato la sua creatura Italianjy, presumo storpiando l'Itariajin che in giapponese vuol dire 'italiano'. Contento Patrizio contenti tutti, da lui si va a masticare, mica a fare salotto letterario. A voler essere puntigliosi, però, il ragazzo andrebbe un po' stangato perché sulla vetrata proteggi-ingredienti ha citato solo luoghi minori italiani, tipo Roma, Milano, Napoli, Firenze e Pisa, ignorando la mitica BOLOGNA. Al prossimo passaggio mi porto dietro un pennarellone e gli rimetto in riga la geografia. 
IN BOCCA AL LUPO (e ai cinesi), Patrì!!!






lunedì 11 settembre 2017

BOLOGNA, OKINAWA


どうもうありがとうございました!
THANKS A LOT!
GRAZIE MILLE!
To all the kind participants at Saturday's cooking class 'Bologna - Okinawa' at Eigo Gym, the coziest private English school of Izumizaki, Naha!







Goods of Europa Vintage Okinawa for sale


It has been fun, also because the place has a perfect setting for cooking classes and the group has been extremely friendly and gentle. Together we made 13 eggs of tagliatelle by hand (my mom said I'm crazy...), plus a bathtub of friggione!


Special THANKS to Shinya-san, the owner of the school, a real gentleman.

Hope to repeat such an experience anytime soon!

lunedì 28 agosto 2017

PIADINA E MERCATO DA MAMMA LELLA


GRAZIE INFINITE al migliore ristorante italiano di Okinawa, Mamma Lella di Onna-son! Ieri lì, tra un'orgia di piadine fantastiche, abbiamo tenuto un piccolo ma succoso evento: piadine a go-go in cucina, mercato di oggetti vintage dall'Italia sui tavoli. Di recente ho inaugurato Europa Vintage Okinawa, una pagina FB di vendita di oggetti vintage importati direttamente dall'Italia:





Cinque ore spese bene, non solo per fatturare, ma anche per portare un (bel) po' di atmosfera italiana in questo angolo del mondo. Sono venuti parecchi clienti abituali del pluridecorato ristorante, più qualche curioso attirato dalla pubblicità che avevamo fatto all'evento.


GRAZIE MILLE x MILLE to 'Mamma Lella' for hosting yesterday a very special event (Piadina & Mercato)! 

It has been great fun and I could eat two yummy piadine ('speciale' + 'Nutella'). Many thanks to the kind customers that bought Europa Vintage Okinawa's goods (following)!!!

A super THANKS to all Mamma Lella's team: SuperChef Eugenio, SuperEriko and SuperStaff - Genta-san and the new entry Sutepanie-san -, good people as much as the F4!




We enjoyed organizing and holding this little event so much that we decided to hold a similar one - but much bigger and somehow different - in mid December (most probably on Saturday 16th): a Christmas Italian Market and Fair, with Italian products, handicrafts, music, food and atmosphere. 

Where? At Mamma Lella's, mochirrron!

La cosa ci è piaciuta, così tanto che abbiamo deciso di ripeterla a metà dicembre (molto probabilmente sabato 16), quando terremo un mercato di natale all'ombra del Tricolore: cucina, oggetti vintage, artigianato, figatine natalizie, musica e forse lezioni di pasta fresca. Non escludiamo la partecipazione di qualche amante della FIAT 500 e delle biciclette italiane. 


Un grazie di cuore per ieri al fantastico team (F4) di Mamma Lella: SuperCuoco Eugenio, SuperEriko e il SuperStaff: Genta-san e la new entry Sutepanie-san, tutta brava gente di cui questo pianeta si può pregiare. GRAZIE RAGAZZI!!! Ci vediamo assieme a Babbo Natale!



domenica 13 agosto 2017

NO, ANCORA UNA VOLTA - NO, ONCE MORE


Ancora una protesta di massa, ieri a Onoyama Koen, contro le basi militari americane. Ancora una volta per ribadire un NO, forte e chiaro, da parte della maggioranza della popolazione di Okinawa. Una settimana fa è andato giù - nelle acque prossime all'Australia - l'ennesimo elicottero da guerra V-22 Osprey, baracconi rumorosissimi di dubbissima sicurezza (quello caduto ieri è l'ultimo della collezione). In attesa che ne piombi uno sulla popolazione civile di Okinawa, ieri il governatore Onaga e migliaia di persone che da anni protestano contro le basi americane hanno riempito il parco vestiti di azzurro. Tutti avevano un cartello NO tra le mani.













Idee confuse


Massive rally against the American bases in Okinawa, yesterday at Onoyama Park (Naha), after that six days ago another helicopter V-22 Osprey crashed off the coast of Australia. Thousands of people protested wearing blue clothes and holding clear NO signs. The heat was scary, but even so the protesters filled up the big park. 



Come al solito durante queste proteste, non potevano mancare i ridicoli nazisti dell'Illinois, quattro gatti con uniformi da fontanieri che a bordo dei loro nazi-furgoni usciti da Mad Max provocavano i partecipanti con offese in puro yakuza-style urlate attraverso altoparlanti a massimo volume. Come sempre la polizia li ha filmati, scortati, fatto da cordone fra loro e i manifestanti; in pratica, cioè, non ha mosso un dito. In Italia e in moltissimi altri paesi sarebbero stati caricati e portati in gabbia, ma qui - non ho mai capito perché - sono liberi di provocare risse, indisturbati. 



As usual during this rallies, the kinky Nazis from Illinois tried to disturb the event, driving around the park with their circus and yelling offences to the participants. They always try to provoke some fight, but hardly someone listens to their yakuza-style delirium. Wearing their traditional plumber uniforms, they were surrounded by the police that, as usual, never arrests them. Cherry on the cake, couldn't miss the parade the evergreen Baka-san, a Naha's superhero that everyday goes around the streets of the city giving on the nerves of the population with his insanely loud loudspeakers propagating more recorded hallucinatory state. One of my dreams: one beautiful day interview him and get to know what his dirty uncle did to him when child. 


All'evento non poteva mancare la gramigna (erbaccia, non pasta), l'onnipresente Baka-san, a bordo della sua Baka-mobile. Il tipo è una macchietta di Okinawa, che ogni singolo giorno scorrazza in auto lungo le vie centrali di Naha a urlare il suo amore per l'America, evidentemente dimentico di Hiroshima e Nagasaki. I suoi altoparlanti danno sui coglioni a tutti, ma - ancora una volta non mi è chiaro perché; mi sa che devo ancora studiare parecchio il Giappone - a quanto pare hanno il diritto di fracassare i timpani della popolazione. Uno dei miei sogni urbani è quello di - un bel giorno - poterlo intervistare e capire che cosa gli faceva da piccolo lo zio marcio, per ridurlo così.



At the rally I spotted only three more gaijin, but as I was wearing a shining yellow Bingata shirt I guess everybody spotted me (if only somebody would have told me that yesterday was a BLUE day, not yellow...). Here's what I saw and photographed.


Durante la protesta ho avvistato solo altri tre gaijin, ma di sicuro sono stato avvistato da tutti, grazie alla mia camicia di Bingata gialla fosforescente. Se solo qualcuno mi avesse avvisato che per l'occasione il dress code prevedeva il blu, e non il giallo...
Questo è parte di quanto ho visto e fotografato.